[capitalespettacolo] Homepage Contatti
LA FONDAZIONE
Storia e attività
Organi istituzionali
Finalità
Sede
Trasparenza
UMBERTO ARTIOLI
Biografia
Bibliografia
In ricordo
Materiali
L'ARLECCHINO D'ORO
Presentazione
Edizioni
IL PROGETTO HERLA
Obiettivo
Ambito d'indagine
Fasi del progetto
Gruppo di lavoro
Fonti
Stato dei lavori
L'ARCHIVIO
Presentazione
Istruzioni
Consultazione
LE ATTIVITA'
News
Convegni
Pubblicazioni
Teatrinsieme
Link
 
NEWS
 28.03.2018 - OPEN FESTIVAL - TEATRO URBANO E NOUVEAU CIRQUE 8/10 GIUGNO 2018
MANTOVA si apre allo spettacolo “en plein air”
arriva il  FESTIVAL OPEN
Teatro Urbano e Nouveau Cirque
 
Esiste una forma di espressione in grado di comunicare senza il bisogno di parole: attraverso la rivelazione dello sguardo, il virtuosismo del corpo, la dimensione dell’immaginario. E’ il teatro dei luoghi che vive di movimento e tensione, crea cortocircuiti creativi tra spazio e visione e si nutre dello stupore.
 
OPEN (Other Performaces EN plein air) è il festival che Fondazione Umberto Artioli Mantova Capitale Europea dello Spettacolo propone per l’inizio della prossima estate 2018. Approderà a Mantova tra l’8 e il 10 giugno e agirà su alcuni luoghi chiave della città: dagli spazi aperti di Piazza Mantegna, fino a Palazzo Te, coinvolgendone i giardini e l’esedra.
Come forma di spettacolo multidisciplinare in grado di trasformare gli edifici e i monumenti della città in scenografie naturali, il teatro urbano nasce da diversi generi di rappresentazione - estranei agli edifici teatrali tradizionali - e si manifesta in forme sia colte sia popolari, in un’evoluzione continua dei linguaggi che, dall’espressione del corpo alle tecnologie e alle estetiche contemporanee, reinventa e si riappropria degli spazi della città.
Per questa prima edizione del festival che ci auguriamo possa essere l’inizio di un progetto pluriennale in grado di radicarsi nella città, si è cercato un approccio multidisciplinare, capace di accostare linguaggi ibridi e molteplici, dal teatro per spazi aperti al teatro di strada al nouveau cirque contemporaneo, alla Commedia dell'Arte.
Gli spettacoli sono pensati anche per valorizzare luoghi che attualmente risultano marginalmente coinvolti dagli eventi culturali della città e decentrati rispetto al centro storico – come nel caso dei Giardini del Te - con l’obiettivo di realizzare un’azione di autentica rigenerazione di quest’area del tessuto urbano.
 
Le proposte spazieranno dalla ricerca sugli spazi aperti tra ritmo e azione fisica del Teatro dei Venti, all’atmosfera retrò del nouveau cirque di Circo Patuf, in bilico tra malinconia e riso sardonico. E ancora: dalla manipolazione del fuoco del Drago Bianco – nella bellezza del gesto in rapporto all’elemento igneo - all’acqua che prende forma aerea con le delicate illusioni create dalle bolle di Bubble on Circus. Acrobatica e ricerca sul corpo saranno l’elemento distintivo di Circo Puntino, mentre l’atmosfera surreale dei Tony Clifton Circus combinerà l’irrazionale e l’anomalia con spirito ironico.
Oltre alla presenza delle compagnie e degli artisti invitati, OPEN Festival lancia una Call for artist per selezionare giovani compagnie emergenti da affiancare con una sezione OFF alla programmazione ufficiale. La call, aperta fino alla fine di aprile, prevede anche un premio del pubblico al miglior spettacolo.
 
Ritorna infine il bando di Fondazione Artioli “I giovani e la Commedia dell’Arte”, quest’anno alla sua quinta edizione: il progetto vuole avvicinare le nuove generazioni e il grande pubblico
alla Commedia dell’Arte e propone agli allievi delle Accademie e delle Scuole di Teatro un concorso per la realizzazione di brevi performance a partire da una selezione bibliografica di canovacci teatrali del periodo compreso tra la seconda metà del ‘400 e la prima metà del ‘600.
Il concorso si concluderà il 23 maggio al Teatro Bibiena, con una serata di gala ed una premiazione ai tre progetti migliori. La giuria, di fronte a cui si esibiranno i concorrenti, sarà presieduta da Enrico Bonavera. Le performance vincitrici di questa terza edizione saranno inserite nella programmazione di OPEN Festival e presentate al grande pubblico nel weekend dell’8-10 giugno. BANDO AL https://bit.ly/2pLWg8a

 
Il programma prevede:
  • 5 compagnie di teatro urbano, teatro di strada e performing art ( 16 spettacoli gratuiti);
  • 1 compagnia di nouveau cirque con Chapiteau (5 spettacoli  a pagamento);
  • 3 compagnie emergenti ( 6 spettacoli sezione OPEN OFF gratuiti) CALL FOR ARTIST al link sotto l'immagine.
 
per un totale di  27 spettacoli.
 
E inoltre:
 
  • 1 laboratorio per giovanissimi (gratuito);
  • 1 Concorso per giovani attori > “I Giovani e la Commedia dell’Arte” https://bit.ly/2pLWg8a
  • 1 concorso Fotografico Social;
  • Attività di Alternanza Scuola Lavoro con coinvolgimento degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore;
  • Creazione di un gruppo di volontari per il coinvolgimento attivo della cittadinanza. CALL VOLONTARI  https://bit.ly/2pR2yV9
     
 
Location spettacoli:
  • Piazza Mantegna
  • Giardini del Te
  • Esedra di Palazzo Te
 
Se ci vuoi sostenere ecco come fare https://bit.ly/2GVNr3f
» link segnalato
 20.03.2018 - ANIMALI DA BAR
Mantovateatro 2017/2018
Il palco del Sociale si trasforma in un bar: siete invitati a sedervi al bancone con Carrozzeria Orfeo!
 
Quando si dice che il nome è tutto un programma si può certo pensare a Carrozzeria Orfeo, che nasce dalla contrapposizione di due parole molto diverse tra loro: da una parte la concretezza di una carrozzeria, simbolo della fatica del mestiere, dall’altro la natura onirica e poetica del personaggio mitologico. In dieci anni di attività e con 7 spettacoli all’attivo, la compagnia diretta da Gabriele Di Luca e Massimiliano Setti, con sede a Mantova, sta portando avanti un teatro, da molti definito pop, che trova ispirazione nell’osservazione della realtà e nella cronaca del nostro tempo, ed esplora diversi territori di scrittura, recitazione, messa in scena. La sera del 22 marzo approderà al Teatro Sociale con “Animali da Bar”, Premio Hystrio Twister nel 2016. Sei personaggi delusi e disingannati, traditi dalla società ma soprattutto da sé stessi, alla perenne ricerca di risposte che forese non troveranno mai. Sei animali notturni, addomesticati dalle proprie paure e dalla propria disillusione, a cui cercano invano di ribellarsi in qualche sprazzo di ironica e pungente autocritica.
Vediamo così sul palco un vecchio malato, misantropo e razzista che si è ritirato a vita privata nel suo appartamento, una donna ucraina dal passato difficile che sta affittando il proprio utero ad una coppia italiana, un imprenditore ipocondriaco che gestisce un’azienda di pompe funebri per animali di piccola taglia, un buddista inetto che, mentre lotta per la liberazione del Tibet, a casa subisce violenze domestiche dalla moglie, uno zoppo bipolare che deruba le case dei morti il giorno del loro funerale e uno scrittore alcolizzato costretto dal proprio editore a scrivere un romanzo sulla grande guerra. Riusciranno a superare l’impasse in cui sono ingabbiati o ci trascineranno nel loro delirio?
 
 
 
 
Biglietti:
  • (1 € prevendita)
  • Presso tutti gli sportelli UniCredit (1 € prevendita)
  • Sul sito della biglietteria on line del teatro Sociale di Mantova www.teatrosocialemantova.it (1 € prevendita)
 
La Biglietteria del Teatro Sociale è aperta:  
martedì 10.30-12.30
da mercoledì a sabato dalle 17.30 alle 19.30
 
Per informazioni tel . 0376 197 4836
 
I biglietti avranno le seguenti tariffe:
 
Platea  € 28,00
Palchi  € 23,00
Ridotto convenzioni/ teatrinsieme € 20,00
Loggia e loggione € 15,00             
Studenti e allievi di teatro  € 15,00 
 
 
 
 
 12.02.2018 - BANDO DI CONCORSO “I GIOVANI E LA COMMEDIA DELL’ARTE” III EDIZIONE
La Fondazione “Umberto Artioli” Mantova Capitale Europea dello Spettacolo con il contributo del Comune di Mantova, organizza la terza edizione del concorso “I giovani e la commedia dell’arte”, all’interno della stagione “MantovaTeatro 2017/2018”
Il progetto nasce dall’esigenza della Fondazione di intraprendere un percorso di riscoperta e promozione presso il grande pubblico della spettacolarità del teatro rinascimentale e in particolar modo della Commedia dell’Arte. Al concorso possono partecipare allievi o ex allievi di Accademie nazionali italiane di teatro; allievi o ex allievi di Scuole di teatro pubbliche o private, purché maggiorenni. Ogni artista deve preparare una performance della durata massima di 15 minuti ; i candidati ammessi alla selezione finale saranno scelti ad insindacabile giudizio della commissione scientifica e artistica che presiederà il concorso.
Regolamento dettagliato al seguente link: https://bit.ly/2pLWg8a.


 
 06.02.2018 - VIAGGI DI ULISSE
Mantovateatro 2017/2018
Un viaggio nello spazio e nel tempo a bordo di un’orchestra diretta dal premio Oscar Nicola Piovani
 
Ulisse ha sempre affascinato grandi e piccini con la sua curiosità e la sua brama di conoscenza e avventura. Non stupisce che molti autori gli abbiano dedicato riflessioni e poesie; tra questi spiccano James Joyce, Konstantinos Kavafis, Omero, Umberto Saba e Torquato Tasso.
Cosa succederebbe se i loro brani fossero raccolti in un unico spettacolo, accompagnati da una musica evocativa e, a tratti, struggente composta da Piovani? Nascerebbe Viaggi di Ulisse, racconto in musica per strumenti che si concertano con voci registrate di grandi interpreti, in scena al Teatro Sociale la sera del 7 febbraio. I solisti dell’orchestra Aracoeli accompagnano lo spettatore in un percorso labirintico lungo il quale spunta ad ogni angolo un personaggio con la sua storia: è possibile imbattersi nella maliziosa seduzione delle sirene, nella forza bruta di Polifemo e nella gioia per una partenza insperata. L’organico comprende il pianoforte, il contrabbasso, il sax, il violoncello, le percussioni e la tastiera elettronica, a cui si aggiungono delle voci inserite nella partitura con un ruolo fondamentalmente sonoro. Sullo sfondo i meravigliosi disegni di Milo Manara, magica scenografia che incornicia la narrazione e aiuta la mente a viaggiare al fianco di Ulisse, eroe greco che non è riuscito a fare esperienza “di retro al sol, del mondo sanza gente” ma certo ha superato i confini temporali, confermandosi dopo tre millenni come figura di un fascino e di una meraviglia indiscussi.
 
 
Biglietti:
  • (1 € prevendita)
  • Presso tutti gli sportelli UniCredit (1 € prevendita)
  • Sul sito della biglietteria on line del teatro Sociale di Mantova www.teatrosocialemantova.it (1 € prevendita)
 
La Biglietteria del Teatro Sociale è aperta:  
martedì 10.30-12.30
da mercoledì a sabato dalle 17.30 alle 19.30
 
Per informazioni tel . 0376 197 4836
 
I biglietti avranno le seguenti tariffe:
 
Platea  € 28,00
Palchi  € 23,00
Ridotto convenzioni/ teatrinsieme € 20,00
Loggia e loggione € 15,00             
Studenti e allievi di teatro  € 15,00 
 
 
 16.11.2017 - Copenaghen
Mantovateatro 2017/2018
Venerdì 1 dicembre ore 21.00  - Teatro Sociale di Mantova
La fisica diventa protagonista di un thriller dallo sfondo politico: Orsini rappresenta la storia con la S maiuscola.
 
Quante volte avete desiderato una macchina del tempo per rivivere i momenti più cruciali della storia? La sera del 1 dicembre la Compagnia Orsini trasporterà gli spettatori indietro nel tempo, catapultandoli nel lontano 1941 a Copenaghen, quando il fisico tedesco Heisenberg (Massimo Popolizio) fece visita al suo maestro Bohr (Umberto Orsini) in una Danimarca occupata dai nazisti, proprio alla vigilia del primo devastante uso della bomba atomica. Il testo di Michael Frayn cerca di ricostruire la conversazione che avvenne tra i due scienziati, affiancati dalla moglie di Bohr, interpretata da Giuliana Lojodice. Questo trio di attori dal grande spessore, diretto da Mauro Avogadro, mette così in evidenza i diversi piani di lettura che la storia ci ha lasciato in eredità, rivivendo una conversazione di cui ancora oggi sfuggono i reali contenuti. Co-protagonista al fianco della storia è la fisica, che si riflette anche nella struttura del testo: la modalità con cui vengono enunciate le diverse ipotesi richiama metaforicamente i Principi di Indeterminazione e di Complementarietà della teoria della relatività di Einstein. «Non è possibile una sola verità o una sintesi efficace delle diverse verità, perché una verità è semplicemente un punto di vista, il punto di vista di chi l’ha enunciata. Tutto è umano, niente è assoluto».
 
 
 
 07.11.2017 - Le Serve di Jean Genet
Lunedì 13 novembre 2017 ore 21.00
Teatro Sociale di Mantova
Le Serve
con Anna Bonaiuto, Manuela Mandracchia e Vanessa Gravina
Regia di Giovanni Anfuso


La stagione 2017/18 continua la sera del 13 novembre con "Le Serve" di Genet, una favola nera, come l’ha definita il regista Giovanni Anfuso, fatta di atmosfere cupe e tetre che schiacciano lo spettatore, facendo emergere le tensioni e le nevrosi più nascoste dell’essere umano in maniera esagerata e paradossale. Si crea così un gioco estremo e grottesco che, ora della fine, risulta involontariamente comico. Il testo di Jean Genet, scritto nel 1947 ed ispirato ad un evento di cronaca che impressionò enormemente l’opinione pubblica francese, è considerato uno dei capolavori del drammaturgo, una perfetta macchina teatrale in cui il gioco del teatro nel teatro è svelato per mettere a nudo, in modo straordinario, la menzogna della scena, con una struttura che scava nel profondo. Una lingua colta e letteraria descrive e accompagna la storia di due sorelle, Claire e Solange, serve dall’aspetto inquietante interpretate da Anna Bonaiuto e Manuela Mandracchia, che vivono un rapporto di amore e odio nei confronti della loro padrona, la bella ed elegante Madame, Vanessa Gravina. Ogni sera, quando la signora non c’è, allestiscono un teatrino in cui a turno giocano “a fare Madame”, indossandone gli abiti e imitandone le movenze in una diabolica e sprezzante caricatura. Un vero e proprio rito che puntualmente termina con l’uccisione della padrona, fino ad arrivare ad un colpo di scena inaspettato e crudele.
  [ mappa | guida al sito ] Internet partner: Omega-Net [www.omeganet.it] [ capitalespettacolo ]  
x Questo sito web utilizza i cookie. Maggiori informazioni sui cookie sono disponibili a questo link. Continuando ad utilizzare questo sito si acconsente all'utilizzo dei cookie durante la navigazione.